Referendum 22 Ottobre 2017

 
Data:
Categoria:
Ubicazione:
Numero:
14/02/2017
Cultura
Piazza Liberta, 12
3726
 
Assessore Mattia Pieropan
Ricevimento: Lunedì dalle 15.00 alle 19.00 e Mercoledì dalle 9.00 alle 13.00  0444 476543 - www.facebook.com/mattia.pieropan.1

Vivian Maier: gli occhi di una donna
Ogni anno la Biblioteca celebra Marzo come Mese della Donna con eventi ed esposizioni.
Quest’anno ci siamo focalizzati sulla figura femminile di Vivian Maier, fotografa statunitense vissuta tra il 1926 e il 2009, la cui attività artistica è stata scoperta soltanto dopo la sua morte.

newsletter

Facebook
Twitter
Rivista inArzignano

calendario
Iscriviti alla newsletter Seguici su
Facebook
Seguici su
Twitter
Scarica la
rivista
Calendario 
eventi

Gli eventi organizzati tra fine Febbraio e l’8 Marzo, non vogliono riproporre la sua opera fotografica, oramai ampiamente conosciuta e visibile anche attraverso i libri posseduti dalla Biblioteca, bensì ripercorrere l’esistenza, oscura e sorprendente, di questa figura femminile: una meravigliosa artista rimasta sconosciuta durante la sua vita.

Gli eventi:

dal 19 febbraio all’8 marzo

Mostra dell’illustratrice Cinzia Ghigliano: saranno esposte 16 stampe numerate e firmate delle illustrazioni del suo libro LEI – Vivian Maier (Ed. Orecchio Acerbo, 2016 – Vincitore Premio Andersen 2016)
“Vivian era misteriosa. Portava camicie da uomo, imprecava in francese, conosceva a memoria tutti i racconti di O. Henry,camminava come un uccello. E così, come un trampoliere dalle lunghe gambe, ha attraversato il suo tempo fotografandolo.” Un diario. Il diario di Vivian Maier. Scritto non con la penna ma con la macchina fotografica, la sua inseparabile Rolleiflex. Sempre al collo, sempre sul cuore. Occhio speciale per ritrarre i bambini dei quali come tata si prendeva cura; le persone comuni incontrate per strada; i quartieri delle città a lei più care, New York e Chicago; i luoghi lontani meta dei suoi numerosi viaggi. E dietro ogni scatto -centocinquantamila negativi, e migliaia di pellicole non sviluppate- l’interesse per l’altro, gli altri.”

Sabato 25 febbraio dalle ore 15.00

Workshop gratuito con Cinzia Ghigliano, dedicato in particolare a insegnanti e genitori:
-Introduzione presentazione del libro
-Proiezione del trailer del docufilm “Finding Vivian Maier”  a cui farà seguire una serie di suggestioni/ indicazioni per i docenti su come utilizzare il libro con le classi
-Istruzioni per mettere in piedi un lavoro simile a quello da lei fatto con le classi utilizzando fotografie o disegni  per raccontare ad esempio una storia  della città, o di un personaggio del luogo.
Il laboratorio è gratuito ma accessibile SU PRENOTAZIONE. Per prenotare telefonare allo 0444.673833 o tramite e-mail scrivendo a [email protected]

Lei-Vivian-Maier-tmb

 

Cinzia Ghigliano inizia la sua carriera come fumettista nel 1976 sul mensile “Linus”. Nel 1978 ottiene al Salone Internazionale dei Comics di Lucca lo “Yellow Kid” quale miglior autore. Negli anni immediatamente successivi dà vita, con Marco Tomatis, a numerosi personaggi. Il più noto, Solange, viene pubblicato con successo in diversi paesi europei. La crisi del fumetto d’autore la porta a intensificare l’attività di illustratrice pubblicando con i maggiori editori italiani. Nel 2003 riceve il Caran D’Ache quale illustratore dell’anno. Si dedica con successo anche alla pittura. Mostre monotematiche la vedono esporre in tutta Italia. In questo modo, i versi di Pavese,il dialetto siciliano di Buttitta,i testi che mutano attraverso le differenti traduzioni di Edgar Lee Master, le canzoni di Fabrizio de Andrè, le posture delle donne che variano a seconda dell’autore che stanno leggendo, entrano a far parte del suo immaginario dipinto. Nel 2016 il libro LEI.Vivian Maier, inaugura la sua collaborazione con Orecchio Acerbo Editore e le vale il premio Andersen quale “Miglior Libro fatto ad arte”

unnamed-63-1728x800_c

 Domenica 26 Febbraio, ore 18.00

Gli occhi di Vivian Maier (I’m a camera)
Spettacolo teatrale scritto e interpretato da Roberto Carlone, fondatore della Banda Osiris, intitolato .
Uno spettacolo denso di poesia sul caso più eclatante di fama postuma sulla fotografa franco-americana, la bambinaia dalla vita enigmatica che lasciò 150.000 fotografie la maggior parte delle quali mai sviluppate. Una storia di tempi sbagliati, un racconto sul binomio fotografia-vita, sulla forza e sul mistero di una donna sola e forte che ha abbracciato il mondo catalogandolo e sull’onestà e l’essenzialità dell’arte. Roberto Carlone (fondatore della Banda Osiris) racconta per la prima volta, in maniera inusuale ed innovativa attraverso una forma che unisce racconto, videomapping, fotografia e musica, una storia carica di domande e di mistero attraverso quattro personaggi molto diversi tra loro (un edicolante, lo scopritore delle sue fotografie, un fotografo acuto e l’ombra di Vivian Maier) che accompagnano il racconto interpretati da un solo attore-musicista.  Uno spettacolo che è anche una mostra e una visita guidata nel mondo di Vivian Maier esplorandone soprattutto il lato di umanità, di poesia senza tralasciare domane profonde sull’arte e la fotografia, la gratutià del gesto fotografico e l’attenzione alla realtà del momento unico e prezioso legato allo scatto. (Dal sito del Festival Photolux – Biennale Internazionale di Fotografia di Lucca – all’interno del quale lo spettacolo ha debuttato il 26 novembre scorso).

QUI la pagina Facebook dello spettacolo

Ingresso libero


 
Condividi su 
3552 amici iscritti alla newsletter
Arzignano Dialoga v.5.0 - Sviluppato da ICT sviluppo - Supervisione assessore Enrico Marcigaglia    
©2009-2013 Comune di Arzignano - C.F. e P.IVA: 00244950242 - NITT nucleo di innovazione tecnologica per la trasparenza    
Per suggerimenti e commenti sul progetto contattare questo indirizzo: [email protected]
privacy policy - cookie policy